Blog

QUADRI… MA COME LI APPENDO?

I quadri sono parte integrante di un arredamento. Danno un tocco di personalità e valorizzano zone della casa con scorci emozionali. Ma al momento di appenderli assale sempre un grande dubbio su come posizionarli.

Spesso si tende a riempire pareti vuote senza una logica precisa e questo crea confusione e non valorizza il quadro in se. Vi vogliamo mostrare alcuni esempi e darvi alcuni consigli che speriamo vi possano aiutare.
Se avete parecchi quadri di dimensioni diverse  si deve cercare di comporli in una geometria precisa in modo da creare un’unica composizione.

 

Fabrika Blog Quadri02
Fabrika Blog Quadri03
Fabrika Blog Quadri04
Fabrika Blog Quadri05

Oppure si segue una linea immaginaria, in genere superiore, e si allineano in modo ordinato distanziandoli in eguale misura.

Fabrika Blog Quadri06
Fabrika Blog Quadri07
Fabrika Blog Quadri08
Fabrika Blog Quadri09
Fabrika Blog Quadri10

Inoltre si deve tener conto anche di quello che si ha sotto o vicino. Se ad esempio si vuole valorizzare la testata di un letto o un divano, possono essere composti in modo che le lunghezze siano uguali.

Fabrika Blog Quadri11
Fabrika Blog Quadri13
Fabrika Blog Quadri12
Fabrika Blog Quadri14
Fabrika Blog Quadri15

Se invece si vuole bilanciare un lato vuoto in contrapposizione ad uno pieno, saranno appesi in verticale sul lato opposto di quello già valorizzato.

Fabrika Blog Quadri16
Fabrika Blog Quadri17
Fabrika Blog Quadri18
Fabrika Blog Quadri19

Molto importante è, comunque, tenere sempre presente gli allineamenti orizzontali o verticali con gli arredi o elementi della casa vicini (porte, bucature, ecc.).

Quadri della stessa dimensione devono essere montati tutti alla stessa distanza l’uno dall’altro, in orizzontale o verticale, in base alla forma della parete.

Fabrika Blog Quadri22
Fabrika Blog Quadri21
Fabrika Blog Quadri20
Fabrika Blog Quadri23

Teniamo presente che l’altezza giusta da cui partire è all’incirca quella media degli occhi.
A questo proposito ci sono regole precise che vengono utilizzate nei musei: disporre i quadri a 5/8 di altezza della parete (per una parete di 3 metri, il centro del quadro dovrebbe trovarsi quindi a 1,85 metri). Ovviamente, bisogna considerare anche la tipologia di quadro e la grandezza dell’ambiente, da cui dipenderà la distanza a cui si posizionerà l’osservatore.

Se si ha un quadro di grande dimensione e quindi di forte impatto, vi consigliamo di inserirlo da solo, su una grande parete o di lasciare dello spazio vuoto intorno per far sì che l’attenzione dell’osservatore venga indirizzata su di esso.

Fabrika Blog Quadri25
Fabrika Blog Quadri24
Fabrika Blog Quadri26
Fabrika Blog Quadri27

Altri due aspetti da considerare per creare una buona composizione sono i colori e lo stile che devono combinarsi con armonia fra di loro e con l’arredamento. A volte, però, se si ha un arredo neutro e minimale, risulta interessante osare con uno o più quadri di colori contrastanti per dare carattere all’ambiente.

Fabrika Blog Quadri28
Fabrika Blog Quadri29

A volte si può anche osare di riempire interamente una parete di quadri partendo dal basso fino ad arrivare quasi al soffitto eludendo tutte le regole di base ma ottenendo sicuramente un forte impatto emotivo.

Fabrika Blog Quadri30
Fabrika Blog Quadri31
Fabrika Blog Quadri32

Oppure appoggiarli direttamente sopra una mensola, in modo quasi casuale, senza fissarli a parete.

Fabrika Blog Quadri33
Fabrika Blog Quadri35
Fabrika Blog Quadri36
Fabrika Blog Quadri34
Fabrika Blog Quadri37

Un ultimo suggerimento che vogliamo darvi riguarda l’illuminazione che deve sempre venire dall’alto e direzionata verso l’immagine da valorizzare. Dopo questa serie di consigli, vi vogliamo sensibilizzare anche sul fatto che a volte una parete vuota può essere ancora più emozionale, soprattutto se contrapposta ad una piena o se dipinta con finiture colorate o materiche.

Seguici e condividi!

Fissa un appuntamento per un colloquio informativo ➜ CLICCA QUI

Mobili Macerata Ragno ceramiche Fabrika Home Solutions